Le Logge

I Massoni si uniscono nella formazione di Logge al fine di lavorare nei gradi simbolici della Massoneria (Apprendista, Compagno, Maestro).

Le Logge sono perciò gli organismi di base della Massoneria e solo a loro è rimesso il potere di iniziare nuovi muratori.

La Loggia varia la sua composizione minima in rapporto alla tradizione nazionale: così nella tradizione anglosassone la Loggia è perfetta se è costituita da almeno cinque Fratelli, mentre nel nel Rito Scozzese Antico e Accettato sono richiesti almeno sette muratori di cui tre Maestri Massoni; nel caso in cui il numero dei membri sia di almeno tre Fratelli, si parla di triangoli, semplici strutture idonee al Lavoro massonico ma dipendenti da una Loggia “giusta e perfetta”.

Le Logge presentano le seguenti cariche:

  • Venerabile: presiede la Loggia;
  • Primo Sorvegliante: ha responsabilità dei Compagni;
  • Secondo Sorvegliante: ha la responsabilità degli Apprendisti;
  • Oratore: rappresentante la legge massonica ed rassegna le conclusioni dei Lavori di ogni riunione;
  • Segretario: redige il verbale e funge da raccordo tra la Loggia e l’Obbedienza;
  • Tesoriere: custodisce il Tesoro della Loggia;
  • Maestro delle cerimonie: è responsabile del protocollo;
  • Copritore interno: è incaricato di verificare l’ingresso nel Tempio.

Le varie Logge massoniche si distinguono per il nome ed il numero derivante dalla loro iscrizione nel registro delle Logge tenuto dall’Obbedienza di appartenenza, nonché per l’Oriente (la città) in cui si riuniscono.

 

Elenco Logge Operative GLTI


 

R.L. Lux

News

  • Sezione in allestimento

Storia

  • Sezione in allestimento

Approfondimenti

  • Sezione in allestimento

Media

  • Sezione in allestimento

R.L. Reghini

News

  • Sezione in allestimento

Storia

  • Sezione in allestimento

Approfondimenti

  • Sezione in allestimento

Media

  • Sezione in allestimento

R.L. Sophia

News

  • Sezione in allestimento

Storia

  • Sezione in allestimento

Approfondimenti

  • Sezione in allestimento

Media

  • Sezione in allestimento

R.L. Cavalieri

News

  • Sezione in allestimento

Storia

  • Sezione in allestimento

Approfondimenti

  • Sezione in allestimento

Media

  • Sezione in allestimento

R.L. Preti

News

  • Sezione in allestimento

Storia

  • Sezione in allestimento

Approfondimenti

  • Sezione in allestimento

Media

  • Sezione in allestimento

R.L. Custodi

News

  • Sezione in allestimento

Storia

  • Sezione in allestimento

Approfondimenti

  • Sezione in allestimento

Media

  • Sezione in allestimento

R.L. Sirio

News

  • Sezione in allestimento

Storia

  • Sezione in allestimento

Approfondimenti

  • Sezione in allestimento

Media

  • Sezione in allestimento

R.L. Horus

News

  • Sezione in allestimento

Storia

  • Sezione in allestimento

Approfondimenti

  • Sezione in allestimento

Media

  • Sezione in allestimento

R.L. Hermes

News

  • Sezione in allestimento

Storia

  • Sezione in allestimento

Approfondimenti

  • Sezione in allestimento

Media

  • Sezione in allestimento

R.L. Bellantonio

News

  • Sezione in allestimento

Storia

  • Sezione in allestimento

Approfondimenti

  • Sezione in allestimento

Media

  • Sezione in allestimento

R.L. Campanella

News

  • Sezione in allestimento

Storia

  • Sezione in allestimento

Approfondimenti

  • Sezione in allestimento

Media

  • Sezione in allestimento

R.L. Accademia

News

Notizie R.L. Accademia

A ∴  G ∴  D ∴  G  ∴ A  ∴ D  ∴ U ∴
MASSONERIA UNIVERSALE COMUNIONE ITALIANA

 

 

INSTALLAZIONE DEL V∴M∴M. Z. DELLA R∴L∴ ACCADEMIA N. 24 ALL’ORIENTE DI MESSINA

Lunedì 30 Ottobre 2017, dell’Era Volgare 6017 A∴V∴L∴ alla presenza dell’Ill.mo e Ven.mo Gran Maestro della Gran Loggia Tradizionale d’Italia ha avuto luogo la cerimonia di Installazione del M∴V∴ M. Z. della R∴L∴ Accademia n. 24 all’Oriente di Messina.
La Loggia sotto la guida del suo V∴M∴ lavorerà secondo il rituale Emulation nei 3 gradi dell’Ordine.

Alla manifestazione tenutasi in occasione di una Tornata Rituale, erano presenti numerose delegazioni delle R∴R∴L∴L∴ F. Bellantonio e Custodi delle Virtù e della Conoscenza operanti all’Oriente di Reggio Calabria e Pistis Sophia operante all’Oriente di Messina, oltre a un cospicuo numero di Fratelli della R∴L∴ che hanno, con la loro presenza, reso la Cerimonia ancora più solenne.

Al termine della cerimonia, si è tenuta un’Agape fraterna.

 

Storia

La Loggia Accademia n.24 all’Oriente di Messina è stata fondata il 31 Ottobre 2015 dell’Era Volgare (6015 V. L.) presso il tempio di Reggio Calabria ed opera, sotto la guida del proprio M.V., nei tre gradi dell’Ordine secondo il Rituale Emulation.

Approfondimenti

La Loggia Accademia si occupa di studi riguardanti la Tradizione Iniziatica. In particolare, i Fratelli prediligono studi di tipo storico, esoterico, alchemico, filosofico e scientifico. Ogni argomento viene esposto in forma di “tavola architettonica”, che viene letta in Loggia. Al termine della tavola, i Fratelli hanno l’opportunità di intervenire, uno alla volta e senza diritto di replica, per condividere in piena libertà il proprio pensiero su quanto ascoltato, consapevoli che la propria opinione verrà comunque rispettata. Questo confronto costruttivo, unito alla speculazione sul Rituale, conduce al miglioramento spirituale, unico vero obiettivo del percorso liberomuratorio.

Media

 

R.L. Michael

News

Notizie R.L. Michael

A ∴  G ∴  D ∴  G  ∴ A  ∴ D  ∴ U ∴
MASSONERIA UNIVERSALE COMUNIONE ITALIANA

 

 

INSTALLAZIONE DEL MVE. P. DELLA RLMICHAEL N° 25 ALL’ORIENTE DI MILANO

Domenica 15 ottobre 2017, dell’Era Volgare 6017 A∴V∴L∴ alla presenza dell’Ill.mo e Ven.mo Gran Maestro e Gran Priore della Gran Loggia Tradizionale d’Italia e suo G∴M∴ A.’., ha avuto luogo la cerimonia di Installazione del M∴V∴ E. P. della R∴L∴ Michael N° 25 all’Oriente di Milano.

La Loggia sotto la guida del suo M∴ V.’. lavorerà secondo il rituale per i gradi simbolici dell’Ordine del Rito Scozzese Rettificato.

Alla, manifestazione tenutasi in occasione di una Tornata Rituale, erano presenti numerose delegazioni di Obbedienze amiche italiane ed estere, oltre a un cospicuo numero di Fratelli della R∴L∴ che hanno, con la loro presenza, reso la Cerimonia ancora più solenne.

In particolare, erano presenti i rappresentanti della:

  • Gran Loggia di Francia nella persona dell’Ill.mo e Ven.mo G∴M∴;Grande Loge dés Rites Egyptiens Et Rites De Traditions
  • Gran Loggia di Sardegna Menphis-Misraim nella persona dell’Ill.mo e Ven.mo G∴M∴ P.F.

Al termine della cerimonia, si è tenuta un’Agape fraterna.

 

Storia

L’idea di fondare la Rispettabile Loggia Michael sorge nel 2015 ad alcuni Fratelli della Rispettabile Loggia Sirio, all’Oriente di Milano. Si decide, anche tramite il confronto con l’Obbedienza, di crearla come Loggia di Rito Scozzese Rettificato.

Nel 2016 la Loggia viene fondata e viene emessa la Bolla, ma i Lavori, per ragioni varie, vengono sospesi fino all’autunno del 2017.

Nell’autunno del 2017 i Lavori riprendono con il dovuto vigore e il 15 ottobre dello stesso anno si procede all’installazione del Maestro Venerabile, dando così ufficialità alla Loggia.

Approfondimenti

L’Ordine forma su questo piano una circonferenza particolare che è il ricettacolo delle azioni spirituali celesti, nel quale sono ammessi tutti gli uomini che desiderano sinceramente entrarvi, in cui ogni individuo forma un punto, e lo spirito divino ne costituisce il centro. [Materia d’Istruzione per mercoledì 23 ottobre 1775, Istruzioni di Lione, Jean-Baptiste Willermoz]

Così scriveva Jean-Baptiste Willermoz nelle sue Istruzioni di Lione, riguardo la funzione dell’Ordine Massonico, e in particolare degli Eletti Cohen. Di tale spirito e di tale dottrina è erede il Rito Scozzese Rettificato che la Rispettabile Loggia Michael pratica nei suoi primi tre gradi.

Nei suoi Lavori, la Loggia cerca di sviscerare il senso profondo delle Ritualità e della Simbologia, alla luce della Tradizione propria del Rito Scozzese Rettificato, Tradizione che viene da lontano e che affonda le sue radici nel più autentico Cristianesimo e negli insegnamenti di grandi Maestri quali Jacques Martinez de Pasqually, Louis Claude de Saint-Martin e il già citato Jean-Baptiste Willermoz.

I Lavori di Loggia, così intesi e svolti, divengono per i Fratelli utile strumento per rafforzarsi nella via dello Spirito e per distinguere tra quegli intelletti buono e cattivo che, ci insegnano i Maestri, influenzano il nostro pensiero e il nostro agire. La Loggia quindi diviene un luogo d’elezione, di pace, serenità e giustizia, dove l’uomo si può ritemprare nella Luce della Tradizione autentica per poi portare all’esterno tale Luce nell’azione di tutti i giorni volta al perfezionamento dell’Umanità intera, in vista della futura Reintegrazione.

L’uomo che sia intenzionato a perfezionare se stesso e a lavorare per il bene dell’Umanità è ben accetto tra le Colonne del nostro Tempio, dove potrà divenire parte di quel grande progetto divino che dall’alba dei tempi, con forme diverse, punta al Bene supremo.

Soprattutto in un mondo disorientato e caotico come quello odierno, dove l’Umanità sembra sempre più preda delle passioni, dell’ignoranza, della materialità, la necessità di un Lavoro Tradizionale, teso al divino, diventa impellente. In un’epoca che vede le forze contro-iniziatiche manifestarsi sempre più sotto forma di falsi maestri, di vie spirituali infondate e senza contenuti reali, di culti e ideologie violenti e diabolici, è necessario perseguire con serietà e impegno la verità e la Luce. Come ci insegna San Paolo:

Devi anche sapere che negli ultimi tempi verranno momenti difficili. Gli uomini saranno egoisti, amanti del denaro, vanitosi, orgogliosi, bestemmiatori, ribelli ai genitori, ingrati, senza religione, senza amore, sleali, maldicenti, intemperanti, intrattabili, nemici del bene, traditori, sfrontati, accecati dall’orgoglio, attaccati ai piaceri più che a Dio, con la parvenza della pietà, mentre ne hanno rinnegata la forza interiore. Guardati bene da costoro! [Seconda lettera a Timoteo, capitolo 3, versetti 1 – 5]

E ancora:

Verrà giorno, infatti, in cui non si sopporterà più la sana dottrina, ma, per il prurito di udire qualcosa, gli uomini si circonderanno di maestri secondo le proprie voglie, rifiutando di dare ascolto alla verità per volgersi alle favole. [Seconda lettera a Timoteo, capitolo 4, versetti 3 – 4]

Parole che oggi suonano profetiche.

Media

 

R.L. Pistis

News

  • Sezione in allestimento

Storia

  • Sezione in allestimento

Approfondimenti

  • Sezione in allestimento

Media

  • Sezione in allestimento

R.L. Conte Menotti Pannuti

News

Notizie R.L. Conte Menotti Pannuti

A ∴  G ∴  D ∴  G  ∴ A  ∴ D  ∴ U ∴
MASSONERIA UNIVERSALE COMUNIONE ITALIANA

 

 

INSTALLAZIONE DEL VMA. S. DELLA RL CONTE MENOTTI PANNUTI N. 27 ALL’ORIENTE DI REGGIO CALABRIA

Mercoledì 14 Marzo 2018, dell’Era Volgare 6018 A∴V∴L∴ alla presenza dell’Ill.mo e Ven.mo Gran Maestro della Gran Loggia Tradizionale d’Italia ha avuto luogo la cerimonia di Installazione del M∴V∴ A. S. della R∴L∴ Conte Menotti Pannuti n. 27 all’Oriente di Reggio Calabria.

La Loggia sotto la guida del suo V∴M∴ lavorerà secondo il Rituale Scozzese Antico e Accettato nei 3 gradi dell’Ordine.

Alla manifestazione tenutasi in occasione di una Tornata Rituale, erano presenti numerose delegazioni delle R∴R∴L∴L∴ F. Bellantonio e Custodi delle Virtù e della Conoscenza operanti all’Oriente di Reggio Calabria, Pistis Sophia e Accademia operanti all’Oriente di Messina, oltre a un cospicuo numero di Fratelli della consacranda R∴L∴ che hanno, con la loro presenza, reso la Cerimonia ancora più solenne.

L’installazione del M∴V∴ A. S. alla guida della R∴L∴ Conte Menotti Pannuti consolida la crescita della Gran Loggia Tradizionale d’Italia in Calabria, già presente in questa regione con 5 Logge I Cavalieri dell’Arca dell’Alleanza n. 11 (Loggia di ricerca), Mattia Preti n. 14, I Custodi delle virtù e della conoscenza n. 15, Francesco Bellantonio n. 22 e Tommaso Campanella n. 23, tutte all’Oriente di Reggio Calabria ove ha sede la Rispettabilissima Obbedienza.

Al termine della cerimonia, si è tenuta un’Agape fraterna.

Conte Menotti Pannuti
Conte Menotti Pannuti

 

Storia

In allestimento

 

Approfondimenti

In allestimento

 

Media

In allestimento
 

R.L. Ennon

News

Notizie R.L. Ennon

Gran Loggia Tradizionale d’Italia

A ∴  G ∴  D ∴  G  ∴ A  ∴ D  ∴ U ∴
MASSONERIA UNIVERSALE COMUNIONE ITALIANA

 

 

INSTALLAZIONE DEL VMM. L. DELLA RL ENNON N. 28 ALL’ORIENTE DI CATANIA

Sabato 22 Settembre 2018, dell’Era Volgare 6018 A. V∴L∴ alla presenza dell’Ill.mo e Ven.mo Gran Maestro della Gran Loggia Tradizionale d’Italia ha avuto luogo la cerimonia di Installazione del M∴V∴ M. L. della R∴L∴ Ennon n. 28, all’Oriente di Catania.

La Loggia sotto la guida del suo V∴M∴ lavorerà secondo il Rituale Scozzese Antico e Accettato nei 3 gradi dell’Ordine.

Alla manifestazione tenutasi in occasione di una Tornata Rituale, erano presenti numerose delegazioni delle R∴R∴L∴L∴ Francesco Bellantonio e Custodi delle Virtù e della Conoscenza, Pistis Sophia e Accademia, oltre a un cospicuo numero di Fratelli della consacranda R∴L∴ e di altre Obbbedienze, che con la loro presenza, hanno reso la Cerimonia, ancora più solenne.

L’installazione del M∴V∴ M. L. alla guida della R∴L∴ Ennon consolida la crescita della Gran Loggia Tradizionale d’Italia in Sicilia, già presente in questa regione con 2 Logge Accademia n. 24, Pistis Sophia n. 26, operanti entrambe all’Oriente di Messina.

Al termine della cerimonia, si è tenuta un’Agape fraterna.

 

 

Notizie R.L. Ennon

Consacrazione Loggia ENNON n. 28 all’Oriente di Catania

 

 

Sabato 22 settembre 2018 dell’era volgare 6018 V∴L∴, alla presenza dell’Ill.mo e Ven.mo Gran Maestro e dei Grandi Ufficiali, sarà consacrata la Rispettabile Loggia “ENNON” n. 28, all’Oriente di Catania.

La Loggia lavorerà secondo il Rituale Scozzese Antico e Accettato.

La consacrazione della Loggia “ENNON”, letteralmente “NATO DI NUOVO”, segue la consacrazione della Rispettabile Loggia “Conte Menotti Pannuti” n. 27 all’Oriente di Reggio Calabria, a riprova dell’incessante crescita della Gran Loggia Tradizionale d’Italia, che innalza le Colonne di una nuova Officina in una città, Catania, che da secoli ha un ruolo centrale nella storia della Massoneria italiana.

 

Storia

Con atto costitutivo e statuto, registrato all’Ufficio Registro Atti civili di Catania, nel diciottesimo giorno del mese di Luglio dell’Anno Domini 2018 E∴V∴, il 16° giorno del 5° mese dell’anno 6018 A.V∴L∴, è stata fondata la Loggia Ennon all’Oriente di Catania per riprendere, nel solco della tradizione iniziatica esoterica:

  • la ricerca della luce, del vero e del giusto;
  • lo studio, l’approfondimento e la comprensione del simbolismo;
  • lo studio e l’approfondimento della conoscenza esoterica del mondo sensibile e della conoscenza iniziatica e tradizionale, quindi di quel patrimonio culturale composito dell’esoterismo, che abbraccia l’antroposofia, l’alchimia, la qabbaláh, l’astrologia, la numerologia, l’ermetismo, la teosofia, e gli elementi culturali della tradizione massonica fatta di simboli, riti e celebrazioni;
  • l’arricchimento e l’elevazione morale e spirituale individuale;
  • la costruzione, attraverso il trinomio tradizionale Sapienza, Forza, Bellezza, del nostro tempio interiore, dell’armonia mundi, della fratellanza universale, praticando, nella più giusta completezza e pluralità di idee ed esperienze iniziatiche, la tolleranza, la giustizia, la solidarietà, l’amore per il prossimo, la libertà di coscienza, l’uguaglianza regolata dalla gerarchia, secondo la scienza e la virtù.

La Loggia Ennon è all’Obbedienza della Gran Loggia Tradizionale d’Italia, in forza di Bolla di fondazione rilasciata il 06/09/18, con il numero distintivo 28.

Il 22 /09/18, alla presenza dell’Ill.mo e Ven.mo Gran Maestro della Gran Loggia Tradizionale d’Italia e di tanti fratelli delle R∴R∴L∴L∴ operanti all’Oriente di Reggio Calabria e all’Oriente di Messina, e di fratelli di altre Obbedienze, si procedeva all’innalzamento delle colonne del Tempio di Catania, ivi in via Bicocca, 8, 2° piano, e all’installazione del Maestro Venerabile e dei Dignitari, dando così ufficialità alla Loggia, quindi seguiva un’Agape fraterna con il menù interamente preparato dal fratello Giuseppe Cannizzo.

La Loggia opera nei tre gradi dell’Ordine secondo il Rituale Scozzese Antico ed Accettato e si riunisce nel Tempio all’Or. Di Catania il 4° Giovedì del mese.

 

Approfondimenti

L’emblema della Loggia “ENNON” di Catania appare così composto:

L’aquila e il leone, idealmente poggiati e uniti, nella parte inferiore, da due rami di acacia, reggono una insegna sormontata al centro da una corona, nella quale è riportata una circonferenza, con sfondo blu cobalto, incorniciata da una corda annodata, con un bastone da golf, con impugnatura in basso e ferro rivolto a dx, e due palle poste una a dx e una a sn.
Sotto è riportato uno striscione con il motto: “FORTIS ET FIDUS” (FORTE E FEDELE).

L’aquila per la capacità di librarsi con rapidità, agilità ed eleganza verso l’alto nel cielo al di sopra delle nuvole, fino ad altezze impossibili a qualsiasi altro uccello, e piombare con velocità impressionante sulle prede, è il re degli uccelli. Dalle sue qualità deriva la sua simbologia: maestosa e possente destava in tutti i popoli antichi il mito dell’invincibilità era considerata simbolo celeste e solare, messaggero degli dei, psicopompo incaricato di accompagnare le anime verso la loro dimora celeste, se non incarnazione del sole o della divinità, simbolo di qualsiasi movimento ascensionale, dalla terra al cielo, dal mondo materiale al mondo spirituale, dalla morte alla vita. Una delle proprietà principali dell’aquila è la vista penetrante, per questo motivo veniva assimilata all’occhio di Dio, all’”occhio che vede tutto”. Altra qualità attribuita all’aquila era , quella di poter fissare il sole senza esserne abbagliata: ciò a fatto nascere il simbolismo legato alla capacità di contemplare i misteri celesti e spirituali, quei misteri che non tutti possono conoscere per loro incapacità – e per questo è divenuta l’emblema di San Giovanni evangelista.

Il Leone, è un animale autorevole, maestoso, capace di dominare in un branco. La forza, la fierezza, la potenza e la regalità sono i suoi attributi e per antonomasia è considerato il re degli animali. Da ciò discende la sua simbologia: simbolo di forza, passione e istinto era associato all’elemento fuoco, ed assimilato al sole (anche per la sua criniera). Il leone dorme nella sua caverna con gli occhi aperti, da ciò discende il simbolismo che ne fa custode della porta, dell’accesso ad un luogo sacro o di dignità. Per la nostra Loggia in particolare significa ” Hic sunt leones” ( qui ci sono i leoni) per indicare le regioni inesplorate della nostra essenza umana e spirituale.

La Corona, rappresenta la dignità che sorregge i Tre Punti di colore rosso. I Tre Punti risalgono dal simbolismo in cui i Collegi dei Saggi si riconoscevano per quelli del Nord (un punto in alto e due alla base) oppure del Sud ( un punto alla base e due in alto). I Tre Punti sono anche simbolo dei concetti quali “Passato-Presente-Futuro”, “Forza-Bellezza-Sapienza”, ”Libertà-Uguaglianza-Fratellanza”, “Umiltà-Benevolenza-Tolleranza”. Essi hanno anche riferimento con il Compasso aperto, di cui il punto di testa rappresenta il Sole, datore di vita e gli altri due la duplice polarità universale.

L’Acacia, l’albero iniziatico che simboleggia il passaggio dall’ignoranza alla conoscenza.

Sotto è riportato uno striscione con il motto: “FORTIS ET FIDUS” ( FORTE E FEDELE). Il motto e’ tratto dal clan Lachian (13° secolo), leali sostenitori dei re di scozia di Stuart, e vuole significare la fedeltà dei massoni verso tutti gli altri fratelli e alla loggia.

Il Bastone riportato è una mazza da golf, con impugnatura rivolta in basso e ferro rivolto a dx. Nel logo le funzioni di impugnatura e ferro sono invertite, cosicchè è il ferro che diviene impugnatura del bastone. Il bastone ha una ricchezza e varietà di significati; nel logo è il bastone del pellegrino, che ha una duplice funzione: di sostegno morale o fisico utile per sostenere l’iniziato nel cammino nei sentieri della Conoscenza e del Sapere, perché le vie che conducono al Sapere non sempre sono spianate, ma incontrano sali-scendi, falsipiani, talvolta ripidi, altre volte impervi ed accidentati, piene di ciottoli; di difesa dalle aggressioni.

Le Due Palle, rappresentano il dualismo degli opposti del “Bene-Male”, “Vero-Falso”, per noi in particolare “Vizi-Virtù”, che sono in equilibrio e divisi dal bastone. Il Massone si sforza di raggiungere la Luce, l’Unità, attraverso la conoscenza di sé e la consapevolezza dei propri vizi, per dominarli, e far emergere la virtù, che è il crinale tra vizi opposti.

La Circonferenza è che racchiude in primo piano il bastone e le due palle, è un cerchio che determina anche un limite separatore tra la superficie interna definita e quella esterna infinita. Il Cerchio è una figura geometrica sprovvista di angoli e di spigoli, nella quale non è dato distinguere il principio dalla fine, divenendo simbolo della perfezione, della ciclicità, e dell’eternità, dell’armonia, e grazie all’assenza di opposizioni traduce l’indifferenziato in un’uguaglianza di principi, espressione del principio universale come l’alto e il basso. Il simbolismo del cerchio è strettamente legato a quello del centro, in relazione all’unità primordiale. È il luogo sacro dove si concentrano tutte le energie materiali e spirituali. È simbolo quindi del Principio da cui tutto trae origine e cui tutto ritorna. Presso i popoli primitivi la circonferenza con il punto centrale è la raffigurazione del Sole, il cui calore è associato all’amore, alla luce, alla bellezza e alla verità.

Il colore di sfondo blu del cerchio non è arbitrario. Richiama il colore del cielo, che per le civiltà antiche era il colore del luogo nel quale risiedevano le divinità, quindi era proprio del mondo celeste e spirituale e quando qualcuno o qualcosa era rivestito di blu, era implicito che la persona o la cosa aveva una natura divina o celestiale o che era stata chiamata divinamente.

La Corda annodata che circonda il logo possiede la funzione di barriera volta a separare il modo materiale dal mondo spirituale, il sacro dal profano. Nell’antichità era il simbolo che delimitava un territorio proibito, in cui l’accesso era assolutamente vietato.

L’immagine della corda annodata (ma anche del cerchio), richiama quella dell’Uroburos, simbolo dell’evoluzione che si conclude in sé stessa, e quindi dell’unità fondamentale del cosmo e rappresenta l’eterna ciclicità delle cose tutte, che hanno inizio da una fine precedente, e una fine che genera un nuovo inizio.

Il nodo, è elemento significante e significativo legata a due movimenti antitetici, ma egualmente potenti, che discende dalla sua funzione: da un lato il groviglio del nodo che esprime la fissità, l’attorcigliamento, il blocco e dall’altra la possibilità di essere allentato e sciolto che suggerisce la liberazione, l’allontanamento, il processo di espansione. Simbolicamente rappresenta la vita, con i legami che uniscono che si contrappone alla morte, che li scioglie. Nella valenza originaria rappresentava l’unione fra divino ed uomo, segno inconfondibile dell’antico adagio ermetico “ciò che sta in alto è come quel che sta in basso”.

ENNON vuol dire “nato di nuovo” e richiama il nostro stato. Il Logo è la metafora di ciò che la Loggia ENNON vuole essere: custode del luogo sacro in cui si concentrano tutte le energie materiali e spirituali dei nati di nuovo, nel quale con forza, umiltà, benevolenza, tolleranza e reciproco sostegno nel cammino nei sentieri della Conoscenza e del Sapere, si applicano nella esplorazione della propria essenza umana e spirituale, per scavare prigioni ai vizi e coltivare le virtù, per il proprio miglioramento e la propria elevazione verso la verso la Luce.

 

Media